registrazione-marchio

Registrazione marchio. Come registrare un marchio

Registrazione marchio – Pubblipro: come registrare un marchio? Cosa registrare e quanto costa fare una registrazione di un marchio?

Registrazione marchio – tutto ciò che c’è da sapere.

La registrazione di un marchio non è un’operazione semplice da fare, ma grazie a noi di Pubblipro è possibile scoprire cosa fare e partire meno impreparati!

Registrare un marchio significa appunto registrare un nome o una o più parole, una grafica particolare con un nome all’interno o solo una grafica. È possibile addirittura registrare dei colori particolari, dei suoni, numeri od oggetti. È possibile registrare molte cose effettivamente.

Per effettuare la registrazione marchio, il prodotto o chicchessia, deve avere determinate caratteristiche: questo deve esser Nuovo, cioè non vi deve esser nulla di uguale o simile in circolazione e deve aver caratteristiche Distintive proprio per la sua unicità.  

Pensiamo ad un prodotto, ad esempio la Coca-Cola. Solo nominando questa prodotto pensiamo ad un marchio distintivo ed unico. Ecco cos’è un marchio, uno di quelli ad impatto.

Come registrare un marchio?

Per ciò che riguarda la registrazione di un marchio, vi sono diverse cose da sapere. I marchi hanno una validità territoriale e tempistica limitata allo Stato o Stati in cui si è chiesta la registrazione, per tale la registrazione marchio può avvenire in diversi modi: registrazione e deposito di un marchio italiano, valido solo in Italia; di un marchio europeo, valido in tutti i paesi dell’Unione Europea; di un marchio estero, valido nel solo paese estero in cui viene depositato e marchi Internazionali, valido in tutti i Paesi che hanno aderito all’Accordo o al Protocollo di Madrid.

Appurato ciò, la registrazione del marchio avviene presentando una domanda di registrazione, dove si presenta un modulo e lo si deposita presso una qualsiasi Camera di Commercio.

Il processo di registrazione marchi ha diverse fasi prima che questi vengano inseriti all’interno del registro marchi. Difatti inizialmente l’Ufficio deve controllare che la domanda sia stata compilata in maniera esatta, poi lo stesso ufficio, confermata la prima fase, procede all’esame tecnico del marchio. Per concludere, dopo essere stata esaminata dall’UIBM, tale domanda di registrazione è messa a disposizione del pubblico e riportata nel Bollettino dei Brevetti per invenzioni, modelli e marchi. Verificato che non esistono ulteriori impedimenti, il marchio viene registrato e viene emesso un certificato di registrazione.

Quanto costa la registrazione marchio?

Le registrazioni hanno prezzi differenti, cerchiamo di capire cosa ci potrebbe attendere:

Se la registrazione del marchio avvenisse in Italia, per 10 anni di validità, le tasse ammontano a 177 €.  Mentre se la registrazione marchio avvenisse in Europa, sempre per 10 anni di validità, il pagamento è di 850 €. Ma se tale registrazione marchio avvenisse in Paesi che aderiscono al Marchio Internazionale, non è possibile dire con esattezza quale sia il prezzo, questo perché dipende molto dal Paese di riferimento. C’è da dire che è difficile trovare un prezzo inferiore ai 700 €. Mentre per i Paesi che non aderiscono al Marchio Internazionale le cifre sono molto alte. Basti pensare che se volessimo registrare un marchio negli Emirati Arabi, una registrazione costa ben 5.000 €.

cta-pbo